European Union and Switzerland Terminate Trade Deal Negotiations

L'Unione europea e la Svizzera terminano i negoziati per un accordo commerciale

Nicolas Collart
Nicolas Collart
International Customs and Compliance Director

Sette anni fa sono iniziati i negoziati per un unico accordo commerciale tra la Svizzera e l'Unione europea. Gli svizzeri hanno ora deciso di porre fine a questi negoziati, non cercheranno più un accordo commerciale con l'UE.

La relazione Svizzera - Unione Europea

Anche se la Svizzera si trova nel bel mezzo dell'Unione europea, non è uno Stato membro. Negli ultimi decenni, innumerevoli piccoli accordi bilaterali sono stati negoziati, approvati e ratificati. Questi accordi vanno dai dispositivi medici ai prodotti agricoli. Ci sono più di 120 accordi separati tra l'Unione europea e la Svizzera, alcuni dei quali hanno più di 50 anni.

L'obiettivo dei negoziati era di sostituire questi oltre 120 accordi con un unico accordo di libero scambio. Le trattative sono ora terminate.

Cosa è andato storto?

Ora che non ci sarà un unico accordo, entrambe le parti dovranno andare avanti sulla base degli accordi già esistenti. Il problema è che non tutto è adeguatamente coperto in questi accordi, sia perché non è mai stato concordato o perché non era applicabile quando entrambe le parti hanno firmato. Il nuovo accordo coprirebbe l'accesso al mercato interno e ai mercati finanziari. 

Una delle questioni più significative nel negoziato è stata la richiesta da parte della Svizzera di esenzioni in tre aree cruciali: le regole sugli aiuti di stato, la possibilità per i cittadini europei di accedere al sistema di welfare svizzero e la protezione dei salari svizzeri più alti. L'UE non vuole concedere queste esenzioni perché ciò darebbe alla Svizzera un vantaggio sleale rispetto agli Stati membri dell'Unione europea. 

Cosa succede ora?

Le cose potrebbero peggiorare prima di migliorare. Alcuni degli accordi che sono in vigore tra le due parti sono superati e alcuni scadranno. Un esempio di questo è un accordo di riconoscimento reciproco per i dispositivi medici che è scaduto di recente. Sarà più difficile per le aziende commerciare dispositivi medici tra la Svizzera e l'Unione europea.

La Commissione europea ha comunicato alla Svizzera che per il momento non ci saranno nuovi accordi commerciali alternativi o aggiornamenti di quelli esistenti. Secondo la Camera di commercio bilaterale svizzero-tedesca, questo potrebbe significare un aumento dei costi e l'accesso al mercato potrebbe diventare significativamente più complesso e costoso. 

Chiedete a un esperto

Se avete domande sull'importazione da o l'esportazione in Svizzera, contattate uno dei nostri specialisti doganali. Sono sempre aggiornati sugli ultimi sviluppi del commercio internazionale. Take the load off your mind!